[Italia] Riprende il processo Scripta Manent a Torino: aggiornamenti e alcune iniziative solidali

Riprende il processo Scripta Manent a Torino

Il 1° luglio si è tenuta la prima udienza d’appello del processo «Scripta Manent». Sono 23 gli imputati e le imputate per cui si sta procedendo.

Nella prima udienza il PM ha richiesto di depositare le sentenze del processo contro le CCF in Grecia, di ascoltare due Digos romani a testimoniare su di un pedinamento effettuato nel 2005 nell’ambito dell’operazione «Crocenera», inoltre di acquisire la seconda e terza parte dell’intervista ad Alfredo Cospito nel giornale anarchico “Vetriolo” del 2019/2020 [si tratta del testo, suddiviso in tre parti e pubblicato in altrettanti numeri del giornale, intitolato “Quale internazionale? Intervista e dialogo con Alfredo Cospito dal carcere di Ferrara”] oltre al contributo, sempre di Alfredo, all’assemblea anti carceraria di Bologna del 9 giugno 2020. La corte ha deciso di acquisire i documenti di Alfredo, mentre per quanto riguarda le sentenze greche, una è stata acquisita solo come dato storico, ma non per il contenuto, e la seconda non è stata acquisita.

Il PM Sparagna ha iniziato a dibattere nelle udienze di luglio e continuerà nei giorni del 7-8-9 settembre (le altre udienze sono state fissate l’11, il 16, il 18 ed il 24 dello stesso mese). Nell’ assurda strategia della procura rientra il fare scempio dei nomi e delle idee di alcuni compagni anarchici che rappresenterebbero l’anarchismo insurrezionale «buono» contrapposto all’anarchismo «criminale» (così lo hanno definito) rappresentato dai compagni cosiddetti «nichilisti». È importante non far passare questo ennesimo tentativo di divisione «buoni/cattivi».

Come sollecitato anche da alcuni compagni in carcere, è importante la presenza in aula nelle date del 7, 8 e 9 settembre in cui Sparagna riprenderà parola, perchè in quell’aula verrà decisa la strategia futura delle procure nei riguardi degli anarchici/e.

Solidarietà ai compagni ed alle compagne sotto processo.

******

Mobilitazioni solidali a Torino ed Alessandria per il processo Scripta Manent

A settembre si terranno a Torino numerose udienze del processo d’appello dell’operazione «Scripta Manent», in cui 23 anarchiche e anarchici sono imputati a vario titolo per episodi e pratiche di attacco che appartengono al patrimonio delle lotte contro l’Autorità.

Operazione su operazione, processo dopo processo, lo Stato affina gli strumenti giuridici per criminalizzare l’agire anarchico e rivoluzionario, colpire le lotte, soffocare la solidarietà, inasprire l’isolamento carcerario per le prigioniere e i prigionieri.

Da una parte, lo Stato e il Capitale, con le discriminazioni, la repressione, lo sfruttamento, le guerre e le stragi di cui si rendono responsabili ogni giorno
Dall’altra diverse pratiche e strumenti per mettere in discussione, ostacolare, attaccare ruoli e strutture responsabili di tutto questo.

Siamo orgogliosi e orgogliose di aver scelto da che parte stare. Orgogliose e orgogliosi di lottare.

Giovedì 24 settembre dalle 9.00: PRESENZA ALL’AULA BUNKER DEL CARCERE DELLE VALLETTE (dentro e fuori), a Torino.

Sabato 26 settembre ore 11.00: PRESENZA SOLIDALE IN PIAZZA BORGO DORA (Torino).

Domenica 27 settembre dalle 15.00: PRESIDIO AL CARCERE DI ALESSANDRIA.

Solidali con gli imputati nel processo «Scripta Manent».
Ostili all’alienazione dei processi in videoconferenza e ai provvedimenti per impedire la presenza solidale in aula.
Contro tutte le forme di reclusione.
Per non dimenticare le proteste e le rivolte nelle carceri del marzo scorso, represse dallo Stato con 13 morti, pestaggi e trasferimenti di massa.
Per rivendicare che lottare è giusto e necessario.

Cassa Anti Repressione delle Alpi Occidentali

– In rete o sui 105.250 FM di Radio Black Out, si darà conferma della data di presenza all’aula bunker (in base ad eventuali modifiche nel calendario del processo).

(via Malacoda)

This entry was posted in General and tagged , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.